“Un momento di confronto importante per elaborare e condividere comuni processi politici per la costruzione di un futuro comune di pace, sicurezza e stabilità, in particolare nell’area del Mediterraneo e del Medio Oriente”. Così il Presidente del Senato, Pietro Grasso, definisce il Seminario del Gruppo speciale Mediterraneo e Medio Oriente dell’Assemblea parlamentare della NATO che si è svolto a Montecitorio.

“In questo contesto geopolitico così complesso – scrive il Presidente Grasso nel messaggio inviato ai partecipanti al seminario – sono convinto che la ridefinizione in corso del legame transatlantico consentirà nel prossimo futuro all’Alleanza atlantica di affermarsi come attore in grado di sostenere gli obiettivi strategici del mondo occidentale. Auspico in proposito un avanzamento del processo di convergenza fra NATO e difesa europea, in un quadro di mutuo rafforzamento e complementarità”.

“L’Europa – si legge ancora nel messaggio del Presidente del Senato – ha la responsabilità di dialogare con i Paesi del Mediterraneo allargato e deve concorrere attivamente ai processi di transizione democratica ed alla stabilità dell’area e del mondo. Essendo un convinto sostenitore della via diplomatica per la soluzione dei conflitti, ho accolto con speranza l’accordo concluso a Ginevra nel negoziato nucleare con l’Iran e l’annuncio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon che a gennaio si terrà una Seconda Conferenza sulla Siria”.

“A proposito delle conseguenze umanitarie delle crisi regionali – conclude il Presidente Grasso – ritengo sia ineludibile che l’Unione Europea e la comunità internazionale affrontino insieme il problema, che si crei un corridoio umanitario per i profughi e che si intervenga sulla questione epocale delle migrazioni verso la sponda nord del Mediterraneo. E’ arrivato il momento di cambiare la storia. Dobbiamo volerlo, dobbiamo crederci”.