Nelson Mandela

“Era anziano e malato, eppure la scomparsa di Nelson Mandela mi ha profondamente colpito e addolorato, come accade quando ad andarsene è una persona cara”. Così il Presidente del Senato, Pietro Grasso, in una dichiarazione.

“Ieri sera il mondo si è fermato alla notizia che un grande uomo, una grande guida è venuta a mancare. Oggi – aggiunge il Presidente Grasso – non solo il Sudafrica, ma l’umanità intera avverte il vuoto di uno dei più significativi esempi di umiltà e forza della nostra epoca. Voglio ricordare l’uomo che è riuscito a parlare a tutte le menti e a tutti i cuori, alle vittime e ai carnefici, esempio di integrità etica e politica, in grado di percorrere il ‘lungo cammino verso la libertà’ con passione, pazienza e tenacia”.

“Mandela fu protagonista di un’utopia che ha cambiato la storia e le coscienze delle persone, l’artefice di una riconciliazione che sembrava impossibile e di cui lui per primo si è fatto esempio vivente quando, dopo ventisette anni di detenzione, pronunciò le parole ‘nessun rancore’. Un eroe che ha saputo prendere per mano il suo popolo e guidarlo verso la pace, la non-violenza e la giustizia sociale. La sua figura – conclude il Presidente del Senato – è entrata in ognuno di noi con la modestia della sua persona, la delicatezza del suo sorriso e la forza indomita di chi è ‘padrone del suo destino, capitano della propria anima’”.