Condividi

    “In  questo  momento,  per  arginare  la  catastrofe  umanitaria  in corso, l’intero  sistema  Paese  deve  lavorare  unito  per sostenere ognuna delle priorità  di  brevissimo  termine: salvare le vite umane in mare; stabilire meccanismi  di  ripartizione  equa e solidale per assicurare accoglienza ai profughi;  colpire  i  trafficanti,  con  modalità  rispettose  del diritto internazionale.  Al tempo stesso occorre un impegno, necessariamente di più lungo  termine,  per  favorire  una progressiva soluzione delle crisi e dei conflitti,  la  Libia in primo luogo”. E’ quanto dichiara il Presidente del Senato,  Pietro  Grasso, da Lisbona dove si trova per il Secondo Summit dei Presidenti dell’Assemblea Parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo. ”Dobbiamo  sostenere, anche con i paesi confinanti, l’assoluta necessità di un  governo  di  unità  nazionale  in  Libia.  E’  necessario – aggiunge il Presidente  del Senato – un interlocutore con cui dialogare e cooperare, ma deve  essere  al  tempo  stesso legittimo ed effettivo, deve controllare il territorio  libico.  Il  Presidente Mattarella con la sua autorevolezza sta sostenendo l’ottimo lavoro del Presidente del Consiglio Renzi e di tutto il governo,  a  Bruxelles  e a New York. Anche la diplomazia parlamentare è in moto. Qui a Lisbona è in corso, fino a domani, un summit dei Parlamenti del Mediterraneo,  anche  con  la presenza del Parlamento europeo e di numerosi parlamentari  italiani.  Ieri con la Presidente Boldrini abbiamo incontrato 28 delegazioni e ottenuto una dichiarazione condivisa e significativa nella direzione auspicata dall’Italia, che verrà inviata alla Commissione europea e ai governi”. Dopo  aver  incontrato  il Presidente della Repubblica Anibal Cavaco Silva, il  Primo  Ministro  portoghese, Pedro Passos Coelho, e il Presidente della Corte  costituzionale  portoghese, Joaquin Josè Coelho de Sousa Ribeiro, il Presidente  Grasso  ha  proseguito  la  sua  missione  e  fra oggi e domani incontrerà  la  Ministra  dell’interno,  Anabela Rodrigues, e il Vice Primo Ministro, Paulo Portas, per discutere di migrazioni e di cooperazione fra i due paesi e con l’Unione. Oggi  il  Presidente  del  Senato ha tenuto una lectio magistralis sul tema “Migrazioni  e  diritti  umani  nel  Mediterraneo:  una sfida per il futuro

    dell’Unione   europea”,  all’Istituto  di  studi  politici  dell’Università

    Cattolica di Lisbona.

    Condividi