Condividi

    Signor Presidente della Repubblica, Eminenza, Autorità, Gentili ospiti,

    l’edizione 2016 del Concerto di Natale segna un importante traguardo per quella che ormai è una felice tradizione del Senato della Repubblica: sono infatti venti anni che l’Aula di Palazzo Madama apre le sue porte alla musica, alla bellezza, alla solidarietà.

    Tre anni fa abbiamo avuto il piacere di ospitare il primo concerto dei giovani musicisti del “Sistema delle Orchestre e Cori giovanili e infantili in Italia”, ragazze ragazzi pieni di talento e di passione. Sono felice di poter dare la notizia che da oggi l’Orchestra avrà un nome importante: sarà infatti l’Orchestra “Giuseppe Sinopoli”, in memoria del grande Maestro scomparso 15 anni fa, che fu tra i primi a sostenere l’esperienza del Sistema Abreu nata in Venezuela e ora forte e viva anche in Italia, grazie al lavoro dei tanti volontari guidati dal presidente Roberto Grossi.

    A dirigere l’Orchestra e il Coro di Voci Bianche sarà per la prima volta in quest’Aula una donna, il Maestro Gianna Fratta, eccellenza riconosciuta a livello internazionale nel campo della musica. Insieme a loro avremo il Coro delle Manos Blancos diretto da Naybeth Garcìa, che fu tra coloro che ebbero la felice intuizione di far cantare, attraverso la lingua dei segni, coloro che non possono ascoltare i suoni, dimostrando come la musica sia in grado di superare ogni ostacolo e differenza. Giovani promesse della musica, ragazze e ragazzi provenienti da 15 città di 10 regioni diverse del nostro Paese, uniti dal comune amore per l’arte, che sapranno emozionarci e rendere indimenticabile la loro esibizione, arricchita dalla presenza di due grandi artisti, Paolo Fresu e Paola Turci.

    A tutti loro il mio più sentito ringraziamento per aver accolto il nostro invito e per aver condiviso con entusiasmo le finalità benefiche di questa iniziativa.

    La presenza del Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità, della Presidente delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni, del Segretario generale del Centro Islamico Culturale d’Italia, Abdellah Redouane e della Vicepresidente della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Christiane Schroeder-Werth, testimonia il comune impegno di diverse fedi religiose e culture a perseguire gli obiettivi di amicizia, pace e fratellanza.

    Siamo davvero orgogliosi di poter di anno in anno rinnovare, attraverso questa iniziativa e grazie alla diretta televisiva della Rai, il legame tra Istituzioni e cittadini, ribadendone la forza e la solidità. Con l’auspicio che l’esecuzione sia di vostro gradimento, formulo a ciascuno di voi i miei più sinceri auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

     

    Condividi