Condividi

    “Molti parlamentari, non so se tra questi anche l’onorevole avvocato Sisto, continuano a esercitare, legittimamente, la loro professione di avvocati durante il mandato. Io invece, prima di diventare senatore e presidente del Senato, mi sono dimesso dalla magistratura. E’ evidente quindi che non ho alcun conflitto di interessi, né con le procure né con gli imputati. Rivendico quindi il diritto di poter esprimere una mia opinione, e di chiedere al Parlamento provvedimenti che facciano sì che la giustizia faccia interamente il suo corso e i processi si concludano sempre con una sentenza, che sia di assoluzione o condanna. La giustizia deve poter sancire l’innocenza di chi è ingiustamente accusato e comminare giuste pene a chi è riconosciuto colpevole, questa è la base dello stato di diritto e quanto dobbiamo alle vittime dei reati. Sono molti i modi per abbreviare la durata dei processi ma la prescrizione, soprattutto una volta che i processi sono iniziati, è una non soluzione che lascia senza verità sia le vittime che gli accusati”.

    Condividi