Condividi

    “In  vista  delle  prossime  elezioni,  mentre  soffia  così forte il vento dell’antieuropeismo,  dobbiamo  saper indicare ai cittadini, soprattutto ai più giovani, le ragioni concrete per le quali votare è importante: l’Europa può cambiare in meglio la vita di ciascuno di noi.” Durante i lavori della Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell’Unione europea,  che  si  sta  tenendo  in questi giorni a Vilnius in Lituania, il presidente  del Senato,  Pietro Grasso, e la presidente della Camera, Laura Boldrini,  sono  intervenuti  a  favore  di  un  maggior coinvolgimento dei parlamenti nazionali nelle decisioni del Parlamento europeo. I  presidenti  hanno  sottolineato,  nei  loro  interventi e negli incontri bilaterali,  che nei prossimi mesi, durante la delicata fase di transizione delle istituzioni europee, l’Italia assumerà la guida del Consiglio europeo per   dare  il  via  ad  una  nuova  legislatura  incentrata  su  crescita, occupazione   giovanile,   sviluppo   sostenibile,  diritti,  integrazione, politiche comuni per l’immigrazione e la giustizia. “Alla  logica  del rigore di bilancio, che pure è stata necessaria, occorre affiancare  un  fortissimo  impulso per dare risposte ai bisogni quotidiani dei   cittadini   promuovendo   la   crescita  economica  e  l’occupazione, soprattutto  per  i  giovani  che  sono  fuori dal mondo del lavoro e dello studio.  Non  chiudiamo  il dibattito nel recinto tra più o meno Europa, ma cerchiamo di costruire un’Europa migliore”, dice il presidente Grasso. “In  risposta  ai  fenomeni  di concentrazione della ricchezza e di aumento delle  disuguaglianze,  è  importante introdurre indicatori degli squilibri sociali che abbiano la stessa rilevanza dei parametri economico-finanziari. Per  recuperare  la  fiducia dei cittadini verso le istituzioni nazionali e europee  l’Unione  deve  saper  monitorare  e  contrastare  la crescita del divario  sociale  tra gli Stati e dentro gli Stati”, conclude la presidente Boldrini.

    Condividi